Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Francesca Penzo
Francesca Penzo, Said Ait Elmoumen

A distance to the sun - performance

12 settembre 2020, ore 18.30

Potenza, piazzale Adriatico

ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria

Performance per un rito urbano
Presentazione pubblica esito finale del laboratorio di creazione con studenti e cittadini.

Concept Francesca Penzo, Said Ait Elmoumen. Sound design Said Ait Elmoumen. Produzione Fattoria Vittadini/Fattoria Indaco. Durata 35 minuti.
In collaborazione con Liceo “Walter Gropius” e Appstart / Punto luce - Save the Children.

Prenotazioni contatti@cittacentoscale.it

francescapenzo.com

 

La performance A distance to the sun con le coreografie di Francesca Penzo e Said Ait Elmoumen è una indagine sullo spazio del rito. Il rito come momento di ribaltamento culturale collettivamente riconosciuto, come mezzo politico per creare uno spazio intimo di libertà di espressione e democrazia. Un luogo di presenza.

«In seguito all'esperienza globale appena vissuta e ancora in atto, sentiamo il bisogno di restituire allo spazio e ai corpi che lo abitano una dimensione collettiva, urbana e partecipata, Sentiamo il bisogno di creare spazi rituali di condivisione nei quali essere insieme alla comunità. Dopo un laboratorio di cinque giornate svolto nella città di Potenza, presentiamo questa performance abitando lo spazio urbano».

Francesca Penzo. Vive e lavora tra Bologna e Milano. Coreografa e performer cofondatrice della Compagnia Fattoria Vittadini. Da sei anni svolge un percorso autoriale volto alla creazione di spazi di interazione culturale circolare, inclusiva e multiculturale. Cura la direzione artistica del Festival Th!nk P!nk con base a Milano e di Fattoria Indaco con base a Bologna.

Said Ait Elmoumen. Coreografo e performer marocchino, fondatore insieme a Taoufiq Izeddiou della prima compagnia di danza contemporanea del Marocco, Anania.
Collabora in progetti di scambi artistici interdisciplinari come “Crossborders tour artistico multidisciplinare in Medio Oriente”. Dal 2012 entra nell'ambiente culturale italiano, a Biella e poi a Torino, creando il progetto "Corpo Locale".