Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

canecapovolto

Nemico interno

5 ottobre, ore 18.00

Potenza, spazio urbano

Su prenotazione, max 15 partecipanti

Performance collettiva
Prenotazioni
memex100scale@gmail.com

Un progetto di canecapovolto.
canecapovolto.it
vimeo.com/canecapovolto

Un viaggio negli intestini della città.

Nemico interno è una performance collettiva/happening con una voce-guida da ascoltare in cuffia che invita i partecipanti ad effettuare un viaggio innovativo e visionario all’interno di qualsiasi città.
Il progetto è ispirato al romanzo Il giocatore di croquet di H.G. Wells e tende a dimostrare come l’ascolto possa condizionare in maniera profonda la percezione del tempo e dello spazio e come i partecipanti diventino protagonisti attivi di un meccanismo “virale” che agisce sul tessuto urbano modificandolo.


Il gruppo canecapovolto è stato fondato a Catania nel 1992 sul modello della confraternita filosofica. Nel 2016 canecapovolto fonda Scuola FuoriNorma per rendere più sistematico un progetto di nuova didattica su suono e immagine in movimento, microeditoria e linguaggi del contemporaneo. Attraverso varie esperienze che privilegiano la matrice scientifica della comunicazione e soprattutto la sua risposta nello spettatore, le tematiche affrontate da canecapovolto fanno costante riferimento all’universo sociale, con una considerazione particolare per la società dello spettacolo e l’Uomo-Massa, che rinsalda un legame con alcune pratiche di matrice situazionista. Video sperimentali, documentari, collages su carta, installazioni, radiodrammi, soundscape compositions e composizioni sonore realizzate attraverso il circuit bending… È tra le zone d’ombra tra ascolto e visione che canecapovolto ha sviluppato la sua identità e il suo messaggio. «Non possiamo ignorare la funzione repressiva dell’Arte in una Società che ha un disperato bisogno di astrazione e creatività per sopravvivere. Il nostro lavoro è il prodotto di questa consapevolezza».