Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Young Mediterranean and Middle Est choreographers

Focus (II)

25 settembre, ore 20.30

Potenza, Unibas Macchia Romana
Ingresso a pagamento

Di e con Radouan Mriziga.

somethinggreat.de

Radouan Mriziga
~55

La prima creazione di Radouan Mriziga, ~ 55, è una perfetta dimostrazione del modo in cui ha trasformato le influenze ibride della sua danza in un linguaggio personale, a metà tra sobrietà e sensualità, concetto e fisicità, struttura e sentimento. Mriziga è responsabile di tutto: danza, suono e illuminazione. ~ 55, come i 55 minuti di uno spettacolo "architettonico" costruito sul numero cinque e le misure del corpo di un ballerino. Affascinato dai gesti di un artigiano in cui il movimento è organizzato per servire la produzione, Mriziga usa il suo corpo come uno strumento per produrre un motivo sul pavimento. Le forme appaiono quasi inevitabilmente dalla relazione tra la sua anatomia e lo spazio dato. Ma qui, il razionalismo del meno e del più non è incompatibile con il piacere estetico ed emotivo derivato dall'ornamentale.

Radouan Mriziga, coreografo e danzatore (Marocco, 1985), ha seguito un corso di danza a Marrakech e in Tunisia. Ha proseguito i suoi studi presso P.A.R.T.S. a Bruxelles. Dal 2014 è supportato da Moussem Nomadic Arts Centre. Negli ultimi due anni ha creato l'assolo 55 (2014) e la coreografia di gruppo 3600 (2016), due spettacoli in cui esamina il rapporto tra danza e architettura e interpreta l'uomo come un atto di equilibrio tra mente, corpo e spirito. Nel maggio 2017, il Radouan Mriziga ha presentato in anteprima il suo spettacolo 7, la parte finale della trilogia le cui prime due parti erano 55 e 3600, al Kunstenfestivaldesarts. Queste tre produzioni di Moussem continueranno il loro tour internazionale in questa stagione.