Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Rossella Menna
Rossella Menna

Milo Rau, la compassione impossibile

rinviato

Potenza, liceo Rosa-Gianturco

ingresso libero

seminario a cura di Rossella Menna

Regista, attivista, reporter, sociologo, direttore artistico, Milo Rau è una figura di spicco del panorama teatrale europeo contemporaneo. Eppure il teatro è arrivato nella vita dell’artista svizzero solo a un certo punto, intorno ai suoi trent’anni, come linguaggio capace di recepire e amplificare le sue ricerche da sociologo, il lavoro da reporter e le battaglie da attivista portate avanti fin da giovanissimo viaggiando nei luoghi “caldi” del mondo (come quando a circa vent’anni si è unito ai miliziani zapatisti in Chiapas) e organizzando manifestazioni contro il neoliberismo, le privatizzazioni e le po­litiche migratorie europee degli anni novanta e dei primi duemila.

Lo stesso International Institute of Political Murder (IIPM), struttura basata in Svizzera e Germania che ha fondato nel 2007, porta inscritta nel nome la specificità della sua vocazione politica: l’IIPM è una compagnia di produzione per tea­tro, cinema e “scultura sociale” che si pone obiettivi espressamente militanti; «since its founding — si legge sul sito — IIPM has focused on the multimedia treatment of historical and sociopolitical conflicts». Più che passare al teatro, insomma, Rau ne ha fatto suo il potenziale e lo ha messo a disposizione di una battaglia per la verità che non ha di certo abdicato ai suoi connotati e strumenti originari. D’altronde, quelli che interessano a Milo Rau non sono mai eventi privati ma esclusivamente fatti diventati storici e anche quando si tratta di raccontare episodi di violenza di cui sono responsabili singoli individui, la colpa viene sem­pre ancorata e perfino ricondotta a ragioni storico-politiche. Attraverso immagini video e letture, il seminario offrirà un ritratto dell’artista e inviterà a una discussione condivisa sulle implicazioni della sua visione etica ed estetica del teatro.


Rossella Menna, PhD in studi letterari linguistici e comparati, insegna letteratura e filosofia del teatro all’Accademia di Brera e co-dirige la rubrica teatrale di Doppiozero. Come ricercatrice si occupa specialmente di drammaturgia contemporanea e di recitazione. È co-autrice di Un’idea più grande di me, libro di conversazioni con Armando Punzo (Luca Sossella Editore 2019), autrice di Qualcosa di sé. Daria Deflorian e il suo teatro (Luca Sossella Editore 2023) e ha curato Tre film. Cinque drammaturgie dedicate al cinema di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini (Luca Sossella Editore 2022). Fa parte del direttivo dell’Associazione Ubu per Franco Quadri e del comitato scientifico dei Premi Ubu ed è tra i giurati del Premio Riccione per l’innovazione drammaturgica.