L'albero della Costituzione repubblicana

Il melograno ha trovato il luogo definitivo dove potrà continuare la sua vita, oramai ultra 74enne.

Albero della costituzione, melograno (foto Salvatore Laurenzana)

Written by

Associazione Basilicata 1799

Published on

06 December 2022

Il melograno soggetto dell’installazione collettiva provvisoria nella Fontana Gomito Cavallo, realizzata nell’ambito del Città delle 100 Scale Festival XIV edizione è stato messo a dimora il 3 dicembre 2022 nel parco Radici (Potenza) per essere protagonista della vita della città. Un cartello, oltre a raccontare la storia dell’albero e dell’installazione, invita chi si avvicini ad impegnarsi perché i principi di libertà, uguaglianza e solidarietà che sono alla base della nostra Costituzione siano realizzati e rispettati.
Ecco il testo riportato sul cartello:

Il 14 ottobre del 2022 è stata presentata nell’ambito della 14. edizione del Città delle 100 Scale Festival l’installazione collettiva a cura dell’artista Andrea Nolè “Exercise for not losing the smile” realizzata nella fontana Gomito Cavallo di Potenza con la partecipazione delle associazioni Radici, Noi Ortadini , Fuorisentiero, Rocciaviva Matera. L’installazione artistica è stata pensata per sollecitare attenzione e cura verso i beni comuni e l’instaurazione di una nuova alleanza tra uomo e natura.
L’albero di melograno, che n’è stato protagonista, è nato nel 1948, in concomitanza dell’anno di entrata in vigore della Costituzione della Repubblica italiana, a seguito della Resistenza e della guerra di Liberazione dal regime nazi-fascista.
Sollecitati da questa coincidenza i protagonisti dell’evento hanno deciso di trapiantarlo in un luogo pubblico, accudito da volontari a simbolizzare la Costituzione e per suscitare attenzione e rispetto nei confronti dei valori di democrazia, libertà, uguaglianza, solidarietà e cura dei beni comuni che essa contiene.
I curatori del festival hanno voluto stilare alcuni punti per rimarcare quanto sia importante l’impegno quotidiano per custodire i valori fondanti della Costituzione e attuarli nella nostra società.

prologo
Chiunque entrerà in contatto con questo albero deve essere ispirato a ribadire il proprio impegno nei confronti della società e dell’ambiente naturale in cui viviamo nel rispetto dei principi di democrazia, solidarietà e cura dei beni comuni.
punto 1
Nell’accostarsi a questo albero ognuno si assume l’impegno che ogni azione civile deve avere quale riferimenti la Costituzione Italiana, consegnataci dai nostri padri costituenti, i cui valori e obbiettivi sono sintetizzati nei Principi fondamentali (artt. 1-12).
punto 2
Chiunque incontra questo albero deve essere sollecitato a impegnarsi per vigilare e operare affinché i valori e i fini fondamentali espressi dalla Costituzione italiana siano tutelati e realizzati.
punto 3
Chiunque nel fare riferimento alla vita naturale e artistica di questa pianta deve essere ispirato a rafforzare in sé la convinzione che la cultura sia un elemento importante per la crescita personale e civile. Essa deve essere supportata e valorizzata nel rispetto delle diversità culturali e sociali, delle vocazioni e modalità espressive di ciascuno
punto 4
Chiunque saggi del frutto di questa pianta s’impegna a unire l’impegno culturale a quello sociale, con particolare attenzione agli strati della popolazione con maggiori difficoltà, segnati da un sistema economico e sociale che produce sfruttamento, discriminazione e danno alla natura.
punto 5
L’avere piantato quest’albero in un luogo pubblico e accudito da volontari è segno di avversione, nel nome dell’antifascismo, per ogni ideologia e comportamento razzista e discriminatorio nei confronti delle minoranze di genere, sesso, cultura, religione o provenienza e vuole sollecitare ad un attivo impegno in ambito culturale, economico, sociale e politico per contrastare il loro nascere e diffondersi.
punto 6.
Si invita chiunque si soffermi vicino a questo albero a impegnarsi singolarmente e collettivamente a rinunciare a una visione antropocentrica a favore di una per cui l’essere umano sia solo una parte della natura in coesistenza con la molteplicità di tutti gli esseri che la costituiscono. L’impegno individuale e collettivo è teso al superamento dell’attuale forma di dominio e sfruttamento che assoggetta gli essere umani e non umani limitandone le dimensioni esistenziale, economica, sociale, politica e culturale.


melograno dimora slaurenzana


foto © Salvatore Laurenzana