Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Compagnia Berardi-Casolari

Mi sono scritto addosso

22–26 ottobre 2018

Potenza, liceo delle Scienze Umane

Per soli studenti, partecipazione gratuita

RESIDENTIAL COURSE OF PERFORMING ARTS

Laboratorio per l'attore creativo.
Di Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari. In collaborazione con il liceo delle Scienze Umane "E. Gianturco".

È un laboratorio teatrale nel quale, attraverso l’utilizzo di tecniche attoriali ed autorali si affrontano ed analizzano le tre fasi fondamentali del processo teatrale: la scrittura scenica, la recitazione e la composizione registica .
Lo scopo è quello di costruire materiali utili alla creazione di una vera e propria messinscena.
Il percorso prende spunto da noi stessi da quello che siamo dalla voce e dal corpo che abbiamo, da come parliamo e come ci muoviamo, dai nostri personali vissuti e da ciò che ci colpisce della realtà che ci circonda e si sviluppa attraverso le dinamiche del fare teatro.
Le tecniche utilizzate sono: training fisico, training vocale, esercizi di improvvisazione verbale, di improvvisazione scrittoria, ideazione e realizzazione di immagini, analisi ed indagine della scena;
Ai fini di creare monologhi, dialoghi, azioni e immagini utili alla costruzione del montaggio finale.
L’intenzione è quella di condurre i partecipanti alla creazione di un breve atto unico, da loro stessi scritto ed interpretato, in cui raccontare se stessi possa essere una maniera per raccontare il mondo e, al contrario, in cui raccontare la realtà che ci circonda possa essere il pretesto per raccontarsi e conoscersi meglio.
Il progetto, infatti prende spunto da uno degli spettacoli della compagnia: “In fondo agli occhi” di e con G.Berardi e G.Casolari per la regia di Cesar Brie, in cui la cecità è affrontata in maniera tragicomica come malattia da cui Gianfranco è afflitto e di cui Gabriella si prende cura e come allegoria dello “stato” in cui oggi verte il nostro paese.
Ed è proprio ispirandosi a quest’opera, alle tematiche in esso affrontate ed alle sue cifre espressive; cattiveria e comicità, ironia e poesia, autobiografico ed universale che il laboratorio intende sviluppare la sua ricerca.
La durata del laboratorio può variare da 5 ai 7 giorni nei quali si lavorerà per 4/5 ore al giorno.